Welcome to BioSphere
image border bottom

Metti una sera di settembre, al bar

settembre 21, 2014 Author: Margherita Bertella Category: Senza categoria  2 Comments

La Spezia, 19 settembre 2014, ore 18.00, bar caffetteria “Al volo”, in piazza Verdi, una serata di pioggia, ma dentro il piccolo locale – che spesso ospita quadri in esposizione – regnava una calda atmosfera e il pubblico, non numeroso ma attento, si è riempito gli occhi coi colori dei quadri di Aurora Natale e Anna Maria Giarrizzo, note pittrici spezzine dal tocco originale, oltre che persone deliziose, ascoltando dalle voci dei poeti Enzo Gaia e la sottoscritta le loro liriche – oltre a quelle della poetessa Pina Violet che, non essendo spezzina e per motivi personali, non ha potuto essere presente – liriche, dicevo, abbinate ad alcuni dei quadri esposti.

Il poeta spezzino Enzo Gaia, organizzatore della serata, ha intitolato l’evento “Quadri da un’esposizione”, in onore del musicista russo Musorgskij, che per primo diede questo titolo a un sua composizione: 15 brani, di cui 10 ispirati ai quadri di una mostra all”Accademia Russa di Belle Arti che ebbe luogo a San Pietroburgo e 5 Promenade che rappresentano  il filo conduttore da una tela all’altra.

Quando Enzo, una settimana fa, ha chiesto la mia collaborazione, ho accettato con slancio, salvo poi chiedermi se sarei riuscita nell’intento. Dubbi svaniti in fretta, perché la mattina successiva una della poesie mi risuonava già in mente, le altre tre le ho composte sulla spiaggia  (era domenica, ho preso il treno delle 7.12 per Monterosso, una delle Cinque Terre, ultimi sprazzi di sole di un’estate che non è arrivata).  Addossata a uno scoglio, foulard al collo (soffiava un’arietta frizzante), respirando il mare, la penna a graffiare la carta… Ed eccole lì, tutte e quattro davanti ai miei occhi. A casa non le nemmeno ritoccate.

Il più bel commento sono state le parole della pittrice Anna Maria Giarrizzo a cui le ho donate al termine della serata, sentire da lei che si abbinavano perfettamente ai suoi quadri. Non è facile, se ci pensiamo, riuscire in una simile operazione, perché si tratta di affiancare personalità diverse, ognuna con un proprio vissuto, una propria visione del mondo… Il fatto che in questo incontro siamo andate all’unisono è uno dei miracoli dell’arte.

Davvero è stata una serata magica, sarà perché condividere una passione è una esperienza entusiasmante, che fa tanto bene all’anima. Ringrazio ancora Enzo di avermi coinvolta nell’evento. Grazie al cielo, accanto a chi ritiene la poesia anacronistica nella nostra epoca, superata e noiosa, esistono ancora persone in grado di emozionarsi ascoltando dei versi, ammirando un dipinto, gustando un brano musicale. Non perdiamo, dunque, la capacità di emozionarci ed emozionare. Ben vengano gli artisti, con la loro contagiosa e benefica “follia”

Monterosso al mare

settembre 18, 2014 Author: Margherita Bertella Category: Senza categoria  2 Comments

 

IMG_0383

Questo mio piccolo acquerello ritrae Torre Aurora, a Monterosso (antica torre di guardia saracena, ora adibita ad abitazione privata). Quante volte, negli anni passati, ho percorso il cosiddetto “sentiero delle agavi” che conduce su, al convento dei frati cappuccini… Purtroppo due anni fa l’orto di fra’ Renato, con la splendida vigna, è franato – causa una bomba d’acqua – nella strada sottostante. Ancora oggi il sentiero è chiuso perché pericolante. Si può raggiungere comunque – dalla scalinata panoramica che s’imbocca uscendo dal paese invece di percorrere il tunnel – la piazzola dove si erge la statua di S.Francesco col lupo, da cui si gode una vista mozzafiato: le altre quattro terre sulla sinistra e punta Mesco sulla destra, intorno l’immensità del mare… Per me questo è un “paesaggio d’anima”. Gli ho dedicato la poesia che segue

MONTEROSSO AL MARE

Sono tornata a respirare
briciole di paradiso
gli occhi affogati
nell’infinito azzurro

sosta con me la lucertola
al tepore del muretto
muto scambio di sguardi

cauta estraggo la penna
a incidere sul taccuino dell’anima
appunti d’emozione

visitano il cespo di capperi stamani
minuscole farfalle bianche

purpurea s’accende sul colle di fronte
la macchia della bougainvillea

ed ecco scendere giù dal convento
i rintocchi dell’ora…

Più non m’inquietano
impalcature e sbarramenti sul sentiero
segni dell’aerea rovina

dalla terrazza panoramica
ancora il Francesco di bronzo
mostra al lupo la meraviglia
che si squaderna allo sguardo

tornerà a germogliare la vite
nell’orto del frate
franato sotto un diluvio notturno

a breve si schiuderà l’infiorescenza dell’agave
lungo la scarpata

Tutti ai fogli di partenza

settembre 17, 2014 Author: Margherita Bertella Category: Senza categoria  2 Comments

volantino_OK_05

Partirà – si spera – il prossimo mese alla Spezia un corso di scrittura, gestito da me insieme ad una mia cara amica. (Troverete le indicazioni nel volantino allegato). Potreste obiettare: “Beh, ce ne sono tanti!” Vero, comunque uno in più non guasterà; inoltre questo abbina scrittura e lettura ad alta voce. Una veste originale per tale tipo di corsi.

Io stessa, anni fa, ho partecipato a un laboratorio di scrittura creativa che mi è servito molto per acquisire una tecnica narrativa e conoscere belle persone. Ciò che in realtà mi è mancato maggiormente alla fine del corso è stato il piacere della condivisione, quel ritrovarsi una volta alla settimana intorno a quel tavolo, alla luce di quella lampada, e mettere in moto le penne, scrivere insieme, poi leggere, commentare, criticare i nostri elaborati. Vedere nascere le storie, vederle crescere e definirsi poco a poco, è un’esperienza entusiasmante.  Condividere una passione  è uno dei piaceri della vita.  Lasciare fuori dalla porta tutti i guai, concentrandosi soltanto sulla pagina bianca, capace di accogliere emozioni di ogni genere. Attenzione però ad essere sinceri nella scrittura, perché anche il lettore più sprovveduto si accorgerà se tu menti, se ciò che dici è tutto finzione; è vero che l’arte, come dice la parola, è artificio, ma dev’essere nello stesso tempo verità, devi esserci tu dentro le pagine, il tuo mondo, la tua visione della vita, bisogna osare mettersi in gioco. Non è facile, ma credo sia l’unica via.

Per una persona schiva come sono io, scrivere è appunto riuscire ad aprirsi agli altri, un atto di coraggio e anche di umiltà. Quando crei un personaggio avviene una specie di sdoppiamento: ci sei tu e c’è lui, questo alter ego che è uscito fuori dai meandri della tua psiche e chiede la parola. Tu devi farti da parte. Lui s’impone a poco a poco a te che lo stai modellando. Questa “creatura dello spirito” – come afferma Pirandello – acquista una sua autonomia che l’autore non ha più il potere di negargli.  Quante volte mi sono stupita della forza con cui delle “creature di carta” mi chiedevano di riprendere la loro storia dopo… un periodo magari in cui le avevo mollate per strada per stanchezza o altro. Non c’è verso, non puoi sfuggire al personaggio, perché ti stuzzica quando meno te l’aspetti, nei momenti più impensati della giornata ti tormenta e tenta, proponendoti questa o quella scena, insomma vuole essere rimesso in moto.

C’è solo una cosa da fare: riprendere in mano la penna e lasciarla scorrere sul foglio… E allora via: tutti ai fogli di partenza!

Il terrore della pagina bianca

settembre 13, 2014 Author: Margherita Bertella Category: Senza categoria  0 Comments

Chi non l’ha provato? Il medesimo che ci prendeva sui banchi di scuola, quando ci veniva proposto un tema… l’angoscia dell’inizio. Le idee magari c’erano ma buttarle fuori era tutt’altra faccenda. Come riempire quella pagina  bianca, quel mare latteo sconfinato? (Possibilmente non di farneticazioni.)

Come fare fronte allo spauracchio del blocco? Non ci sono regole prestabilite, né esiste una formula magica. Il blocco è una specie di gelo, mancanza di circolazione… Che si fa per non congelare? Bisogna muoversi. Mettiamo dunque in moto la penna sul foglio, veloce, senza programmare, senza pensare… Possiamo provare con un “esercizio a tempo” che proprio in ciò consiste: diamoci un tema, prendiamo una parola chiave e scriviamo su quella, svelti, senza pensare, senza pianificare, senza tornare indietro a cancellare o correggere, se ci viene da impantanarci scriviamo “blocco” oppure boh! o quello che vi pare, scriviamo “cavolo cavolicchio piripicchio”, inventiamo una filastrocca farlocca, basta che non alziamo il naso dal foglio per una decina di minuti o poco più… Molti dei miei racconti sono nati così. Dentro quella pagina c’erano spunti che ho poi sviluppato, indizi, fermenti d’idee, magari in miniatura c’era già un personaggio che voleva uscire.

Ricordo una volta ci ho trovato una ragazza con un lungo abito blu e le maniche rimboccate fino al gomito, le braccia piene di spuma… stava lavando pile di piatti col Last al limone! Che ci faceva una che pareva principessa al lavandino, in preda a smania lavanderina? Era forse in punizione? E il topo? Ecco infatti sbucare un topolino ai suoi piedi, un topo curioso, ciarliero, impertinente! Lei, impegnata al lavoro, mal sopportava le sue domande… E voilà, era nato il racconto “Aurora e il topo” che fa parte della raccolta (la mia primissima) “Fiabe, favole e rime”. In quelle frasi scritte veloci c’era la genesi di una fiaba da me reinventata in chiave moderna, assolutamente personale…

Anche per l’inizio del mio romanzo “Dovremmo farli incontrare” ero partita da una scrittura veloce. A un certo punto erano venuti fuori prati, pascoli, sentieri di campagna: lungo uno di questi camminava una ragazzina, pantaloncini corti, ricci neri… dove andava così decisa, con passo da bersagliera? Non mi restava che seguirla… Nel frattempo anch’io respiravo insieme a lei l’aria frizzante del mattino, mi godevo il cielo terso e il silenzio inframezzato dai primi cinguettii… poi ho capito dove si stava dirigendo: alla chiesa! Allora ho visto – anzi rivisto – non solo questa, ma il paese tutto: era Cervarezza, nell’Appennino tosco-emiliano, dove trascorrevo le mie estati di bambina… Ho inventato per la località un nome nuovo, ma alcuni dei personaggi minori che compaiono nel romanzo li ho ricalcati da paesani che mi sono tornati in mente, vivi come li vedessi sul momento… Ricordo la meraviglia con cui, in seguito, guardavo spuntare un personaggio dietro l’altro e la forza con cui loro mi si presentavano chiedendomi di continuare, di non abbandonarli per strada. Andare avanti era diventata una necessità.

La pagina bianca, non più nemica, era un tappeto volante su cui viaggiare, una zattera che mi portava in alto mare alla scoperta di nuovi orizzonti, nuove terre dove avrei fatto sosta, forse, ma solo per ripartirne al più presto. La penna ormai fluiva sul foglio… anche volendo non avrei più potuto fermarla.

perché scrivo

settembre 11, 2014 Author: Margherita Bertella Category: Senza categoria  0 Comments

Salve, sono qui approdata un pomeriggio settembrino dal mare della vita, stanca ma ancora con la penna fra le dita… Sì perché il tasto del computer viene dopo, prima ci sono la penna e le mie amate carte, quaderni, taccuini ma anche fogli sparsi da riciclare, sacchetti della spesa, carta da pacchi, tovagliolini del bar… tutto va bene per sfogare questa mia mania scribacchina, questa magia, questa pazzia che può pure fare star male, perché la penna è un bisturi che incide le pagine del cuore e non va ad ore… Proverò dunque a spiegare:

Scrivo perché ne ho bisogno, scrivo per ritagliarmi un triangolo di cielo e respirarci dentro, scrivo per conoscermi e farmi conoscere, per confessarmi alla pagina bianca, scrivo per risanare l’anima stanca, scrivo perché è una terapia, scrivo per cacciare via i cattivi pensieri, scrivo perché non sono più quella di ieri e domani sarò ancora diversa, scrivo per salvare l’anima persa, scrivo per ritrovarmi, perché sono arrabbiata e le idee non mi giungono mai così bene come quando sono in preda alle pene, scrivo per cantare la mia malinconia, per scendere nella caverna del cuore, perché così posso urlare senza fare rumore, scrivo per esorcizzare il mio – anzi i miei lati oscuri senza bisogno di consultare uno strizzacervelli, scrivo a più livelli (semplice, profondo, terribile come la fine del mondo), scrivo per espandere il cuore, scrivo per distillare il dolore, per colorare la vita, per vedere le parole scorrere fra le dita, scrivo per sete di emozioni, per passione, per rabbia e tenerezza, per avvertire la brezza dell’armonia, scrivo per fuggire via, per fermare il tempo, per gridare basta, per spaccare tutto… scrivo, butto giù di brutto, scrivo per protestare, denunciare, dire la mia sullo sconvolgimento generale, scrivo per accusare e benedire, per incidere l’orrore, perché non passi senza lasciare traccia… Scrivo, che vi piaccia o non vi piaccia.