image border bottom

“Essenze di poesia”, doppio evento poetico al Circolo Arci Canaletto – La Spezia

settembre 06, 2020  Author: Margherita Bertella Category: Senza categoria   0 Comments

 

IMG_20200901_112442

118645900_3205446622880211_70669175224785553_n

Venerdì 18 settembre, a partire dalle ore 18, negli spazi del Circolo Arci Canaletto, via G. Bosco 2, alla Spezia, avverrà la doppia presentazione delle raccolte poetiche “Taccuini d’emozione” di Margherita Bertella e “Cortecce” di Sveva Borghini.
Come dice il titolo, “Taccuini d’emozione” è un libro scritto in cammino, sono versi nati e immediatamente appuntati sui taccuini che mi accompagnano ovunque io vada. Penna, matita, taccuino e una scatolina di acquerelli sono i miei compagni di viaggio. Si tratta chiaramente anche di un cammino simbolico, perché la poesia mi affianca nel percorso della vita, la poesia intesa come canto spontaneo dell’anima, bisogno imprescindibile di comunicare il proprio sentire, libera espansione e condivisione delle emozioni, empatia con la Natura che mi accoglie riconciliandomi col mondo. Terapeutico per me è il rapporto con la Madre Terra, il paesaggio della mia Liguria aspra e selvaggia, fratello Mare, nelle cui tempeste e bonacce mi riconosco, sorella Luna, mia confidente da sempre – una sezione del libro è dedicata proprio a lei. La terza sezione, “Ritratti”, comprende appunto i ritratti degli amici animali con cui ho condiviso e condivido il cammino, maestri di dedizione e dignità, e delle persone care, a cominciare da mamma, passando attraverso le amicizie speciali, doni dell’Universo che arricchiscono l’esistenza. Protagonista della prima parte del libro è l’avvicendarsi delle stagioni, il mutare del paesaggio non solo esteriore ma anche interiore, l’amore infinito per la Natura, la mia ricerca costante di Lei, il mio immergermi in essa per ritrovarmi e scoprirmi più forte di quanto riesca a immaginare.
Questo, del resto, è un forte collegamento con la raccolta  di Sveva, il cui libro, non a caso, s’intitola “Cortecce”.  Originale idea: la nostra pelle, il tessuto cutaneo che comunica con l’esterno e lo lascia penetrare dentro sé, è visto in analogia con la corteccia che è la pelle dell’albero. Anche questa raccolta è divisa in tre sezioni, ispirate da tre alberi specifici: Betulla, Pino e Pioppo, di cui ci vengono presentati dall’autrice il carattere, i gusti ambientali, la simbologia. Le poesie di ogni sezione intendono trasmettere al lettore l’essenza dell’albero di riferimento. Ovviamente, poi sta alla sua sensibilità captarla in un verso, in un vocabolo illuminante, o fra le righe di queste riflessioni poetiche in cui alla leggerezza si abbina una discesa nelle profondità dell’anima, la ricerca costante di indizi, dettagli, come il saper cogliere nel lampo di luce su una foglia, nel gorgogliare di un ruscello, nel divampare di una fiamma, nell’incontro con minuscole creature silvestri la magia di un collegamento, un messaggio dall’Universo. Anche il bosco di Sveva è “emozionale”, fatto di forre profonde, anfratti e improvvisi slarghi di cielo, melodie di vento fra i rami e tutto un caleidoscopio di colori. Sveva ci apre il suo mondo, introducendoci alla sua scelta di vivere in Natura, a contatto con la Madre Terra e le sue stagioni, i suoi cicli di Vita/Morte/Vita, invitandoci a scoprire i nostri “boschi interiori”,  a osare finalmente addentrarci in essi.
Titolo dell’evento è “Essenze di poesia” perché chi vorrà essere presente sarà coinvolto attivamente da Sveva anche attraverso piccole esperienze sensoriali, grazie all’uso di oli essenziali specifici.
Siete invitati, quindi, per una “fulll immersion” poetica a tutto campo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *